Heartthrob

thumb

Attualmente una delle stelle più luminose del firmamento di Minus, Heartthrob, ovvero Jesse Siminski, è arrivato sulla scena con un nuovo modo di intendere il suono minimal. Vicino all’arte e alla pittura, ha iniziato da giovanissimo ad appassionarsi alla musica. Nel 1999, ha conosciuto Magda a New York e ha iniziato a essere affascinato dal suo gusto musicale. Magda e Troy Pierce lo hanno introdotto al prestigioso Ableton Live. Dopo pochi anni, nel 2005, Jesse ha lasciato New York per Parigi. Invitato spesso negli studi di Richie Hawtin, ha remixato “Personal Jesus” dei Depeche Mode. Nel 2008, ha realizzato il disco “Dear Painter, Paint Me”. Otto canzoni scritte in un lasso di tempo di circa due anni, fra New York, Parigi e Berlino, che legano innovazione e tradizione, techno e parti melodiche, trame cinematografiche à la John Carpenter e dancefloor. Il moniker dietro il quale si nasconde il lavoro del produttore Jesse Siminski, raccoglie quello che appartiene tanto ai sogni quanto ai peggiori incubi. “Dear Painter, Paint Me” focalizza il suo punto di ascolto su trame armoniche e sugli aspetti più “melodici”, sulla techno percussiva e sul ritmo.